Job 17

Il mio spirito si dissolve, I miei giorni sono spenti, I sepolcri mi aspettano. Non ho io appresso di me degli schernitori? E l’occhio mio non dev’egli sopportare le loro provocazioni? Deh! metti pegno, dammi sicurtà per piatir teco; Chi sarà colui che mi toccherà nella mano? Perciocchè, quant’è a costoro, tu hai nascosto il senno al cuor loro, E però tu non li innalzerai. Di chi parla fra gli amici per lusinga Anche gli occhi de’ figliuoli saranno consumati. Egli mi ha posto per servir di proverbio a’ popoli, Ed io sono pubblicamente menato attorno in sul tamburo. E l’occhio mio è tutto raggrinzato di sdegno, E tutte le mie membra son simili ad un’ombra. Gli uomini diritti stupiranno di questo, E l’innocente se ne commoverà per cagion dell’ipocrita. Ma pure il giusto si atterrà alla sua via, E colui ch’è puro di mani vie più si raffermerà.

10 Or ravvedetevi pure voi tutti, e poi venite; Non troverò io alcun savio fra voi? 11 I miei giorni son passati via; I miei disegni, i proponimenti del mio cuore son rotti. 12 La notte mi è cangiata in giorno, La luce è di presso seguita dalle tenebre. 13 Se io mi trattengo di speranza, il sepolcro sarà la mia casa, Io farò il mio letto nelle tenebre. 14 Già ho gridato alla fossa: Tu sei mio padre; Ed a’ vermini: Voi siete la madre, e la sorella mia. 15 Ed ove è ora la mia speranza? Sì, la mia speranza? chi la potrà vedere? 16 Le mie speranze scenderanno nel fondo del sepolcro; Conciossiachè il riposo di tutti ugualmente sia nella polvere.

Copyright information for ItaDio